aggiornamento novembre 2021

In Cina continentale i casi totali registrati dall’inizio pandemia fino alla prima metà di ottobre 2021 sono stati 96.579, dei quali 4.636 deceduti.

Negli ultimi mesi la situazione generale dell’epidemia di Covid-19 e’ stata tenuta sotto controllo seguendo i metodi che fin dall’inizio hanno contraddistinto le misure anti-epidemiche cinesi, con lock-down ristretti alle aree dove si verificano nuovi casi. Quando queste zone non hanno preso in considerazione Pechino, le attività del Centro di Valutazione e Guida hanno potuto continuare senza particolari limitazioni. Tuttavia, in diverse occasioni non è stato possibile fornire formazione ad enti fuori dalla capitale a causa delle misure di controllo e questo ci ha portato a proporre sempre più i nostri servizi formativi in modalità online.

L’assenza di casi a Pechino ha permesso un forte sviluppo delle attività riabilitative e di pre-scuola presso il Centro, che ha portato anche ad un allargamento del team del nostro partner cinese ed arricchimento delle figure professionali, in particolar modo in ambito educativo.

Tuttavia, a fine ottobre 2021 una serie di nuovi casi si è verificata nella capitale cinese, portando a nuove misure restrittive e preventive, fra cui la sospensione dei servizi in presenza del Centro fino a nuovo avviso. Il team non si è scoraggiato, e grazie all’esperienza dei diversi mesi di servizi online si è mantenuta la continuità del supporto alle famiglie.

Il responso della maggior parte delle famiglie è stato significativo: fin da subito, i genitori che hanno ricevuto i servizi online precedentemente hanno condiviso le loro esperienze. Come da loro espresso, molte sono le difficoltà del servizio non in presenza, in quanto la famiglia deve avere il tempo e le capacità di seguire il terapista o l’insegnante e di lavorare direttamente con il bambino. Tuttavia, le famiglie hanno compreso a pieno gli aspetti positivi di una guida che si può focalizzare nell’ambiente familiare, dove il bambino si sente più a suo agio. Inoltre, è possibile esprimere e ricevere supporto professionale per tutti i problemi che si possono incontrare nella vita di tutti i giorni. In questo modo, i genitori hanno modo di toccare con mano il servizio riabilitativo ed educativo dei loro figli, facendone parte e rendendosi più consapevoli delle possibilità e delle sfide che li aspettano nel futuro.

aggiornamento giugno 2021

Con il termine delle festività del Capodanno Cinese (febbraio 2021), i casi di contagio a Pechino e dintorni sono ritornati a zero e questo ha permesso un graduale rilassamento delle misure di contrasto all’epidemia. Nonostante alcuni focolai siano riapparsi in diverse zone del Paese, la situazione generale dell’epidemia rimane sotto controllo, ed è stato possibile inaugurare i servizi in presenza presso la nuova sede del Centro di OVCI e Womende Jiayuan (marzo 2021).

mmexport1597406119822Oltre a fornire i servizi riabilitativi individuali caratteristici del Centro in presenza e continuando il lavoro online (prime visite, servizi di valutazione e trattamento di fisioterapia, logopedia, terapia occupazionale, psicomotricità, psicologia, educazione speciale e inserimento lavorativo), è stato possibile riprendere a fornire servizi che per lungo periodo non è stato possibile offrire, in particolare i servizi per l’inclusione scolastica. Nello specifico, per la prima volta WJY ha offerto il primo turno di servizi di inserimento scolastico di gruppo per i bambini della scuola primaria (marzo – giugno 2021), con l’obiettivo di aggiungere anche quelli per l’età prescolare entro breve.

Un altro aspetto fondamentale del servizio di OVCI in Cina è ripreso con vigore: la formazione e la diffusione dell’approccio olistico alla riabilitazione e all’inclusione sociale in tutto il territorio cinese. Mentre il lavoro online è continuato con i medesimi ritmi dei periodi di lock-down (4 eventi online, supervisioni professionali dei casi di Centri partner a cadenza settimanale), nei primi sei mesi del 2021 OVCI ha raggiunto fisicamente 5 Centri di Riabilitazione per persone con disabilità in 5 diverse Province cinesi, portando le Province raggiunte a 30 su un totale di 34 in oltre 50 città e località. Le richieste di formazione, supervisione e diffusione dell’approccio biopsicosociale che OVCI porta avanti in Cina sono in continuo aumento, con almeno altre 8 richieste da altri Centri per la seconda metà del 2021.

Nonostante la situazione interna rimanga relativamente sotto controllo, il ritorno alle rigide policy di contrasto all’epidemia sono sempre dietro l’angolo, nel caso si verificassero nuovi casi. Uno dei principali aspetti che non sono ancora tornati alla normalità riguardano le possibilità di ingresso nel Paese, con forte restrizioni all’ingresso e un rigido periodo di quarantena obbligatoria, imposta per controllare l’arrivo di nuovi casi dall’estero. Con queste policy, il continuo scambio di esperti dall’Italia alla Cina è stato interrotto e trasferito online, anche se il team di OVCI continua ad essere presente in loco. Speriamo di poterlo riprendere in presenza il prima possibile, per continuare a portare il nostro approccio e la nostra professionalità a tutte le persone con disabilità, le loro famiglie e i professionisti del settore.

 

aggiornamento dicembre 2020

Dopo il nuovo episodio di contagi registrato a Pechino verso la metà di giugno, partito dal più grande mercato all'ingrosso della città e prontamente messo sotto controllo, non si sono più verificati casi, e per quanto riguarda il servizio presso il Centro Womende Jiayuan per le persone con disabilità e le loro famiglie, è stato possibile ripristinarlo in presenza fra la fine di agosto e l'inizio di settembre.

Naturalmente il livello dmmexport1607595213775i allerta resta sempre molto alto, in particolare con l'arrivo della stagione fredda. La mascherina è indossata praticamente da tutti, così come tutti in città hanno scaricato sul proprio cellulare la APP della Municipalità che supporta le operazioni di tracciamento in caso di necessità. Quando si esce dalla Municipalità, come accaduto recentemente per un viaggio di lavoro in un'altra Provincia, al rientro la APP deve essere aggiornata per segnalare dove ci si è recati. Pur essendo molto contenuti e subito segnalati, sono infatti presenti in alcune zone del Paese dei casi di contagio: per la maggior parte si tratta di casi importati, cioè di persone che rientrano da altre nazioni, mentre qualche caso è locale. Tuttora può capitare di avere accesso ad alcuni edifici solo dopo aver mostrato il proprio status su questa APP e dopo aver naturalmente fatto il controllo della temperatura. Continuano ad essere favoriti gli incontri online, e qualora siano organizzati in presenza il controllo e le precauzioni restano ancora molto alti. Ciò è facilmente comprensibile, dato l'elevato numero di abitanti e la densità della popolazione a Pechino. Tuttavia, girando per la città, l'atmosfera che si respira è certamente diversa da quella che attualmente c'è nelle grandi città europee. I negozi, i ristoranti, i centri commerciali sono aperti, anche se in caso di spazi di grandi dimensioni sono stati mantenuti i percorsi di sicurezza per non moltiplicare ingressi ed uscite, ed avere appunto un maggior controllo. Un altro fatto che testimonia il permanere di un alto livello di allerta nazionale è la policy dei visti, tuttora ristretta per la maggior parte dei casi alle persone con passaporto cinese ed al personale diplomatico, e l’obbligo di quarantena dopo l'ingresso, che avviene in alcune città selezionate in base alle rotte aeree consentite. Il flusso turistico dall'estero è praticamente inesistente dalla fine di gennaio 2020.

Per quanto riguarda le attività progettuali, oltre a quanto accennavo all'inizio in merito alla ripresa dei servizi diretti agli utenti a partire da fine agosto-settembre, c'è stata la necessità di un certo adeguamento per i corsi e gli incontri in presenza, per cui si è preferita la modalità online in quanto era impossibile fare per tempo una programmazione diversa, senza contare l'impossibilità di confermare le missioni formative in presenza dall'Italia. Stiamo riscontrando che, seppure in questa diversa modalità, gli interventi formativi organizzati per il Team di Womende Jiayuan sono ugualmente molto significativi.

Essendo possibile ora spostarsi all'interno del Paese, abbiamo potuto anche completare, nonostante dei cambiamenti rispetto al calendario annuale, le attività di supporto a tre centri in tre diverse Province, su invito della Federazione Nazionale delle Persone con Disabilità.

Infine, restano sempre attivi (e si affiancano ai servizi in presenza) i servizi online che hanno costituito per molti mesi la sola modalità di presenza presso le famiglie. Questo richiede un impegno ancora maggiore da parte del Team di Womende Jiayuan, ma ha portato come frutto un ampliamento della rete dei beneficiari (tanto che anche i servizi in presenza sono aumentati, perché più persone hanno conosciuto il Centro). Speriamo che con il prossimo trasferimento del Centro nella nuova sede sia possibile confermare questa attenzione alle persone e questa volontà di prendersi cura, che in definitiva sono stati e sono tuttora la bussola per tutti gli aggiustamenti che la situazione di incertezza creata dal Covid19 ha reso e renderà necessari.

mmexport1607595249119aggiornamento giugno 2020

Dal febbraio 2020, in risposta all’Emergenza Covid19, è stato avviato un sistema di supporto a distanza (attraverso videochiamate) per le persone con disabilità e le loro famiglie. Si è così potuto mantenere un contatto costante con gli utenti, condividendo suggerimenti e proposte di trattamenti da svolgere nell’ambiente domestico. Sostenere i genitori ed i caregiver nella gestione del bambino con disabilità è stato fondamentale per garantire il mantenimento dei risultati precedentemente raggiunti, ed in alcuni casi ha anche favorito ulteriori miglioramenti. Le famiglie si sono sentite accompagnate.

PERSONALE IMPIEGATO 
Numero operatori coinvolti   20

Ci scrivono da Pechino (marzo 2020):
“Anche in Cina le nostre regolari attività sono state sospese a causa del Coronavirus, perché su ordine delle autorità il Centro è stato chiuso fino a data da destinarsi. Dopo un confronto interno, abbiamo deciso di creare una piattaforma online, dando per chi lo volesse la disponibilità di essere seguiti a distanza.
La risposta delle famiglie è stata altissima, tanto da riempiere tutte le agende dei nostri terapisti, che hanno preparando anche un pacchetto di corsi da offrire online. I genitori apprezzano questo approccio, ed anche noi attraverso i collegamenti video possiamo verificare i progressi dei bambini. Questo ci dà molta speranza e fiducia che i bambini possano continuare il loro percorso, nonostante l’Emergenza Covid19.
Anche la Federazione Nazionale delle persone con Disabilità ha espresso grande apprezzamento per questo servizio online, contattandoci per proporci di collaborare ed allargando così il numero dei beneficiari”.

La notizia è stata pubblicata sul Mensile di SUPERABILE- inail (pag 8) e sul quotidiano Avvenire

I colleghi locali hanno inviato un video di solidarietà e condivisione con i colleghi italiani

L'11 giugno si è tenuta una diretta su Repubblica TV “A che punto è il virus? Live da Addis Abeba in Etiopia, dal Pechino in Cina e Abancy in Perù” a cui ha partecipato Riccardo Tagetti - capo progetto a Pechino per OVCI, inervistato con Giampaolo Longhi CVM e Michele Mattioli Apurimac da Chiara Nardinocchi.  

Scarica la registrazione dell'intervista

con noi... PER TUTTI I BAMBINI DEL MONDO

DIVENTA VOLONTARIO

FAI UNA DONAZIONE

IL TUO 5x1000 PER OVCI

COLLABORA CON NOI

 


 OVCI la Nostra Famiglia
via don Luigi Monza 1 - 22037 Ponte Lambro (CO)
tel 031-625311   -    mail info@ovci.org   -   C.F. 91001170132